Archive for category: risarcimento danni

Illegittima occupazione di area privata: rimedi per il privato e differenza tra tutela risarcitoria in forma specifica e tutela restitutoria

28 nov
28 novembre 2016

Il TAR Salerno si occupa dei rimedi utilizzabili dal privato in caso di illegittima occupazione di un’area da parte della P.A. In primo luogo, il TAR precisa i concetti che possono rilevare in questa materia: “il limite della eccessiva onerosità è codificato, dal’art. 2058 c.c., in relazione alla tutela risarcitoria (in forma specifica) e non per […]

Azione di risarcimento e c.p.a.

28 nov
28 novembre 2016

  Il T.A.R. si sofferma sulla richiesta di risarcimento del danno avanzata verso la P.A. prima dell’entrata in vigore del c.p.a., chiarendo che, secondo la giurisprudenza maggioritaria, essa sarebbe soggetta al termine di prescrizione quinquennale decorrente dal passaggio in giudicato della sentenza di annullamento. Il privato, per di più, dovrebbe dimostrare tutti i presupposti della […]

Conseguenze processuali del tramonto dell’occupazione acquisitiva

23 nov
23 novembre 2016

Il TAR Salerno ricorda che è da ritenersi definitivamente espunto dall’ordinamento giuridico l’istituto dell’occupazione acquisitiva, di origine giurisprudenziale, che  (in presenza di una dichiarazione di pubblica utilità o di una dichiarazione d’indifferibilità e urgenza esplicita o implicita, dell’occupazione dell’area e dell’irreversibile trasformazione del fondo, nonché della scadenza del termine di occupazione legittima ma senza adozione di un decreto […]

Risarcimento del danno: no al metodo c.d. inquisitorio

18 nov
18 novembre 2016

Il T.A.R. Milano afferma che nel giudizio risarcitorio, a differenza di quello impugnatorio, non opera il c.d. metodo inquisitorio, ovvero la possibilità per il Giudice di reperire, ex officio, le fonti di prova di cui necessita. Post di Matteo Acquasaliente – avvocato

Annullamento della aggiudicazione e risarcimento del danno

11 nov
11 novembre 2016

Il T.A.R. Veneto esamina, con riferimento all’annullamento di un’aggiudicazione, i vari tipi di risarcimento che si possono chiedere ed i relativi presupposti. Post di Matteo Acquasaliente – avvocato

Come si prova il danno da provvedimento illecito?

08 nov
8 novembre 2016

Il T.A.R. indica i presupposti che il privato deve provare allorquando intende far valere un danno da provvedimento illecito, soffermandosi sull’elemento soggettivo della colpa. Post di Matteo Acquasaliente – avvocato

Rivalsa dello Stato verso il Comune per una condanna da parte della CEDU: giurisdizione AGO

13 ott
13 ottobre 2016

Lo Stato italiano è stato condannato dalla CEDU a versare al signor Perinati la somma di  € 751.240,00 per una riscontrata violazione della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, nell’ambito di una procedura di esproprio condotta da un Comune. L’amministrazione statale, pertanto, in applicazione della l. n. 234/2012, con il provvedimento impugnato ha inteso esercitare il proprio diritto di rivalsa […]

No al risarcimento per vizi formali ed in mancanza di una domanda ad hoc

05 ott
5 ottobre 2016

Il T.A.R. afferma che se il provvedimento amministrativo viene impugnato per meri vizi formali non è dovuto alcun risarcimento del danno, perché non c’è alcun accertamento sul c.d. bene della vita. Nella stessa sentenza il Collegio statuisce che la domanda risarcitoria, per essere ammissibile, deve essere contenuta nel ricorso originario od in quello per motivi […]

Spetta alla P.A. e non al giudice stabilire se il bene illecitamente occupato vada restituito

30 set
30 settembre 2016

Il Tar Puglia ha statuito che spetta alla P.A. e non al giudice valutare  se disporre, in alternativa alla sua restituzione, l’acquisizione sanante alla mano pubblica del bene illecitamente occupato, alle condizioni e con modalità prescritte dalla legge. Post di Gianmartino Fontana – avvocato

Il dolo o la colpa ai fini del risarcimento dei danni da parte della P.A.

30 set
30 settembre 2016

Il Consiglio di Stato ha statuito che la responsabilità della P.A. per i danni provocati dall’azione amministrativa esige  la dimostrazione che nell’adozione dell’atto amministrativo vi sia stato dolo o colpa come elementi costitutivi della risarcibilità del danno, non essendo sufficiente il solo annullamento dell’atto ritenuto lesivo. Post di Gianmartino Fontana – avvocato

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: Widestore S.r.l. P.I./C.F. 01497070381 - Sede Legale Via Gulinelli, 21/a - 44122 Ferrara

Hit Counter provided by Los Angeles Windows